Seguici sui Social

CuriositàNovità

Opel Tigra: la storia di un successo travolgente

Trenta anni fa Opel presentò una nuova coupè a 2+2 posti destinata ad incontrare il favore del pubblico. Parliamo ovviamente di Opel Tigra che con la sua linea originale caratterizzata dal motivo laterale a “Z” e dal grande lunotto posteriore, si conquistò immediatamente il favore del pubblico, specialmente quello femminile.

E, così facendo, inaugurò la nicchia di mercato delle piccole coupé basate su utilitarie di segmento B.

Opel Tigra, la concept car in produzione

La vettura fu presentata come concept al Salone di Francoforte del 1993. Nel giro di pochi mesi Opel Tigra fu esposta quasi senza alcuna modifica al Salone di Parigi dell’ottobre 1994, entrò in regolare produzione presso lo stabilimento di Saragozza, in Spagna, e fu immessa sul mercato europeo, riscuotendo un immediato successo in due fasce di pubblico cui i costruttori guardano con grande interesse (i giovani e le donne) e per sei anni domina il mercato pressoché incontrastata.

Oltre all’immagine indubbiamente giovane e dinamica, la linea molto personale, le dimensioni contenute ed i costi di gestione accessibili erano i principali motivi di attrazione della Opel Tigra che era proposta due differenti motori Opel ECOTEC bialbero a 16 valvole di 1.400 e 1.600 cc.

Opel, il tuffo sotto l’ingorgo

Famoso è ancora oggi lo spot televisivo in cui una Opel Tigra di colore Ceramic Blue guidata dalla campionessa di nuoto Franziska van Almsick, allora sedicenne e da poco divenuta un personaggio di fama internazionale, si “immergeva” nell’acqua per evitare un ingorgo stradale, riaffiorando dall’acqua al di là dell’ingorgo.

Al Motor Show di Bologna la nuova coupé compatta della Casa tedesca era proposta in diversi esemplari per consentire ai visitatori del Bologna Motor Show di avere un’impressione più precisa ed esauriente di una vettura così anticonvenzionale.

Decisamente anticonvenzionali erano anche le personalissime interpretazioni che cinque giovani artisti europei avevano realizzato lavorando su altrettanti modellini in scala 1:5 della Opel Tigra, tutti esposti sullo stand ed offerti al giudizio dei visitatori.

La produzione di Opel Tigra si interruppe a gennaio 2001 dopo 250.728 esemplari prodotti poiché, con l’introduzione della terza generazione di Opel Corsa, non era più disponibile il pianale su cui era realizzata.

Tre anni dopo, nel 2004, Opel avrebbe ripreso il nome Tigra per una compatta spider/coupè a 2 posti chiamata Opel Tigra Twin Top dotata di un tetto d’acciaio che può essere ripiegato elettricamente all’interno del bagaglio.

LEGGI ANCHE:

Nuovi Opel Combo, Vivaro e Movano pronti a partire

Opel Movano come camper Crosscamp: le varianti

Lascia un commento