Seguici sui Social

NovitàTest Drive

Jeep Wrangler 4XE – Nel deserto con la spina

Ci viene in mente Jeep ed il pensiero vola direttamente alla Wrangler, un 4×4 pronto per l’avventura come nessun altro. Se poi il nostro parco giochi è il mitico deserto del Mojave, allora in questo connubio tra marchio e modello, si rispecchia perfettamente l’essenza del brand americano e con esso il sogno a stelle e strisce.

Eh si, perché Wrangler incarna l’autentico spirito del fuoristrada, una scelta ideale per coloro che preferiscono evitare le strade convenzionali per perdersi in scenari mozzafiato. L’introduzione del Wrangler 4XE ha portato la leggendaria trazione integrale a un livello superiore grazie alla tecnologia ibrida plug-in.

Ora, persino la versione Rubicon può muoversi in modalità completamente elettrica. Immagina di attraversare il traffico o di immergerti nella natura ad emissioni zero, accompagnato solo dal silenzio dei pneumatici extralarge. Questo apporto alla sostenibilità è notevole, sempre che ci mettiamo in testa di mantenere quotidianamente la batteria carica, a modo di smartphone.

È una vera rivoluzione nel mondo del fuoristrada, un modo di reinventare il concetto con un occhio attento all’ambiente, come Jeep stessa afferma. Nonostante la componente ibrida, la potenza non manca. Il contributo dell’elettrico permette al nuovo Wrangler di affrontare pendenze impegnative con facilità, guadagnandosi il prestigioso badge “trail rated”.

Autonomia in modalità full-electricFino a 53 km
Velocità Max in full-electric130 km/h
Tempo di ricaricaMeno di 3 ore con 7,4 kWh
Potenza massima380 CV

Un altro aspetto da sottolineare è la silenziosità, un tratto insolito per un fuoristrada. Il Wrangler 4XE permette di muoversi in città senza disturbare la quiete e, allo stesso tempo, risparmiando carburante. Va comunque sottolineato che la carica notturna della batteria è fondamentale per sfruttare appieno le potenzialità di questo veicolo.

Pertanto, la scelta di questa versione richiede la disponibilità di un punto di ricarica in casa o in ufficio, difficilmente lo troverete nel deserto del Mojave anche se i cactus potrebbero assomigliare ad una colonnina di ricarica… Altrimenti, la versione diesel rimane una valida alternativa e finché possibile un alleato visto la mole e le caratteristiche del nostro 4×4.

Infine, è importante ricordare che essere un appassionato Jeep è indipendente dalla scelta della motorizzazione: con o senza spina, la parola chiave è vivere l’avventura.

Leggi anche:

Jeep Avenger: il più bello tra gli “small SUV”

La nuova Jeep Wrangler 2024 sbarca in Europa

Lascia un commento