Seguici sui Social

Hybrid ElectricTest Drive

MG Cyberster – Spider 100% elettrica

Osservare e toccare con mano in anteprima la nuova MG Cyberster non è affatto male, soprattutto se circondata dalle storiche spider che hanno segnato l’evoluzione del brand inglese.

La nuova spider MG con motore centrale 100% elettrico e dimensioni in grado di rievocare le suggestioni ed il fascino delle spider inglesi del passato, potrebbe non essere l’unica nuova vettura a cielo aperto realizzata da MG in quanto a Longbridge starebbero prendendo vita due piattaforme leggere e modulabili che consentirebbero di costruire auto di dimensioni differenti partendo da una stessa base.

La nuova Spider MG 100% elettrica a 2 posti segna l’atteso ritorno del marchio MG alla produzione di auto sportive che l’hanno reso famoso nel mondo. Cyberster è pronta a portare la storia al passo con i tempi. Anche grazie al suo propulsore completamente elettrico e ad interni contemporanei ed equipaggiati con tecnologie all’avanguardia.

Rispettare l’illustre passato del marchio riportandone in auge la vena sportiva e al tempo stesso guardare al futuro,  in sintonia con la transizione verso i veicoli elettrici, questo lo scopo dell’ultimo gioiello MG.

Il brand ha introdotto poi caratteristiche innovative come le porte ad apertura verticale ed il design posteriore Kammback.

Nel libro “Ottagono Rosso-100 anni MG” di Paolo Ferrini, il susseguirsi dei modelli, dalla Old Number One alla prossima Cyberster, è filo conduttore per raccontare la storia del marchio MG nel contesto della società britannica ed in relazione ai gruppi industriali che ne sono stati proprietari.

L’anteprima della nuova  Cyberster 100% elettrica avviene alla vigilia del centenario della nascita di MG, un marchio che gode ancora fama e seguito a livello internazionale.

Guarda la galleria di immagini di MG Cyberster

Leggi anche:

MG Cyberster Tour: la première italiana si chiude a Bari

Spider MG Cyberster 100% elettrica: la presentazione a Roma

MG, per i 100 anni di storia arriva il libro: “Ottagono rosso”

Lascia un commento