Seguici sui Social

CuriositàNovità

Peugeot, dalle SW all’elettrificazione: il percorso in Europa

Peugeot è entrata quasi per caso nel mondo delle carrozzerie familiari, elemento fondamentale della sua offerta commerciale per circa tre quarti di secolo.

La Peugeot 203, primo modello post Seconda Guerra Mondiale, ha attirato l’attenzione per la sua estetica. L’auto si ispirava a modelli americani. Gli Stati Uniti stavano iniziando a sperimentare la modernizzazione del concetto di Station Wagon (SW).

Peugeot, la prima Station Wagon

Nel 1946 il primo modello di questo tipo fu introdotto sul mercato statunitense con un corpo in metallo. Gli ingegneri e i designer di Peugeot presero spunto e optarono per lanciare una versione simile della 203. Nacque in questo modo, nel 1950, la Peugeot 203 Station Wagon, la prima auto familiare moderna interamente concepita e prodotta in Europa.

Con una lunghezza di 4,58 metri e un passo aggiuntivo di 20 centimetri rispetto alla berlina lanciata l’anno precedente, la PEUGEOT 203 Station Wagon fu un successo. Tra il 1950 e il 1956 furono prodotte 61.000 modelli di questa versione.

Si rivelò un tipo di auto destinato a rimanere nel tempo, come dimostrato dalla Peugeot 403 Familiare, lanciata nel 1957. Nell’ottobre del 1959 arrivò il motore diesel Indenor 1.8 da 48 CV, in grado di raggiungere i 105 km/h.

La Peugeot 404 Station Wagon

Negli anni ’60 il marchio ha rafforzato la sua offerta di carrozzerie familiari portandola in nuovi segmenti. Nel 1963 viene introdotta la Peugeot 404 Station Wagon, che mantiene le tre file di sedili e presenta una gamma con due motori benzina da 1.6 da 72 CV e 85 CV, rispettivamente, e due diesel, da 1.8 e 55 CV e 2.9 da 68 CV.

Tre anni dopo, la casa del leone presenta l’altro modello della sua doppia offerta: la PEUGEOT 204 Break, la versione di maggiore cilindrata del suo primo modello della famiglia “2” con versione familiare e trazione anteriore. Con lo stesso passo e la stessa lunghezza della berlina (3,97 m), offriva più spazio interno.

Il 1971 è l’anno del lancio della PEUGEOT 504 Break e Familiare, che attirano l’attenzione per le loro grandi dimensioni per gli standard del mercato europeo dell’epoca.

Disegnata da Pininfarina, era disponibile in due versioni: Break, con due file di sedili e Familiare, con 3 file. Sempre nel 1971 arriva in Francia la PEUGEOT 304 Break, un’evoluzione più lunga della 204 con un’estetica più moderna.

Peugeot, gli anni ’80

Con l’arrivo degli anni ’80, la PEUGEOT 305 Break sbarcherà sul mercato presentando, per la prima volta per il marchio, una panca posteriore sdoppiata per aumentarne la versatilità.

La PEUGEOT 505 Break, che ha iniziato il suo percorso commerciale nel 1982, è passata alla storia per diversi motivi. Fu l’ultimo modello a trazione posteriore di PEUGEOT e segnò anche la fine dell’opzione “station wagon” e della sua terza fila di sedili, ma divenne anche la prima Break a disporre di un motore turbodiesel e anche la prima a offrire la guida 4×4 attraverso Dangel.

Il suo successore, la Peugeot 405 Break (1988) incorporava sospensioni idropneumatiche nelle sue versioni 4×4. È stata l’unica volta che Peugeot ha utilizzato questa tecnologia in uno dei suoi modelli. Da parte sua, la Peugeot 406 Break (1996) è stato il primo modello del marchio a utilizzare il multiplexing, oltre a debuttare con un design verticale nella parte posteriore per ottimizzare la capacità di carico.

Peugeot nel XXI secolo

Il XXI secolo ha portato un cambiamento nella nomenclatura. Le Break degli anni ’80 e ’90 sarebbero state identificate con l’acronimo SW, acronimo di Station Wagon.

La Peugeot 307 SW (2002) non solo raccoglie il guanto di sfida, ma trasferisce anche la modularità delle nuove proposte su un’auto familiare, diventando un bestseller. Ha sfruttato la sua maggiore altezza da terra e 4,40 metri di lunghezza per offrire un tetto panoramico in vetro come un’ottima novità, oltre alla possibilità di avere 7 posti su 3 file.

Lo stesso anno, la Peugeot 206 SW è stata lanciata, il primo debutto del marchio nel segmento B. In Brasile è stata lanciata la versione off-road “Escapade”, che ha anticipato di un decennio le tendenze del mercato e la febbre dei SUV. Erede della 206, la Peugeot 207 SW (2006) ha incorporato già l’allestimento country Outdoor in Europa… ed è stato sostituito nella gamma dalla prima generazione della Peugeot 2008.

Allo stesso tempo, il marchio francese ha perseverato nella sua strategia di doppia offerta con la prima Peugeot 308 SW (2008), che ha insistito sulle tre file e sul tetto panoramico che le aveva permesso di combattere contro i minivan. Da parte sua, la Peugeot 508 SW I (2011) ha proposto un nuovo linguaggio stilistico e ha introdotto la tecnologia ibrida, combinata con il diesel, nella sua versione fuoristrada RXH, che offriva trazione integrale e 200 CV.

Peugeot 308 SW, l’attuale offerta

L’attuale offerta della Peugeot 308 SW è una pietra miliare nella categoria che riunisce carrozzerie come break, tourer e station wagon grazie al suo design dinamico, all’alto livello di dotazione tecnologica e alla presenza dei nuovi tratti distintivi del marchio.

Questo modello scuote ancora una volta le fondamenta del suo segmento con la sua nuova versione 100% elettrica, che incorpora un innovativo motore elettrico da 156 CV (115 Kw) che offre un’autonomia di 413 chilometri, guidando come prescritto dal ciclo WLTP, che la rendono una delle poche proposte che offrono quattro tipi di energia nella sua gamma.

L’architettura della Peugeot 308 SW è stata ottimizzata per offrire il massimo spazio interno. Ha una capacità del bagagliaio fino a 608 litri, una cifra notevole in un’auto lunga 4.636 mm e larga 1.852 mm.

L’elettrificazione continua a progredire nella Nuova Peugeot 508 SW. Oltre al motore Plug-In Hybrid 360 con trazione integrale riservato alla 508 Peugeot Sport Engineered, si aggiungono la Plug-In Hybrid 225 e il nuovo motore Plug-In Hybrid da 180 CV.

La Peugeot 508 SW Sport Engineered

Sviluppata dallo stesso team di ingegneri che ha creato questa saga di vittorie, la 508 SW PEUGEOT Sport Engineered è un’auto sportiva alimentata da una tecnologia elettrificata che incorpora tutta l’esperienza in termini di aerodinamica, componenti meccanici e prestazioni sviluppate nelle competizioni.

La sua silhouette da shooting brake cattura l’attenzione sia per il suo design affilato e atletico che per le sue prestazioni sorprendenti.

La trasmissione ibrida plug-in della 508 Peugeot Sport Engineered non solo consente il funzionamento combinato del suo motore a benzina PureTech 200 e dei suoi due motori elettrici, situati rispettivamente sull’asse anteriore e posteriore, per una potenza totale di 360 CV, con 4 ruote motrici, ma consente anche di scegliere quattro diverse modalità di guida: Sport, Elettrico, Comfort, Ibrido e 4WD.

Peugeot E-5008, i primi dettagli

Per l’immediato futuro, i primi dettagli della Peugeot E-5008, SUV che arriverà sul mercato nei prossimi mesi, adotteranno molti elementi che hanno fatto parte del DNA delle auto familiari Peugeot, come un abitacolo raffinato simile a un salotto, con 7 posti a sedere e un facile accesso a una comoda terza fila.

Sarà equipaggiata con il nuovo Peugeot Panoramic i-Cockpit che porta il piacere di guida a un livello superiore grazie a un widescreen HD da 21” flottante e curvo che combina l’head-up display con il touchscreen centrale.

LEGGI ANCHE:

Peugeot E-3008. Il futuro del Leone è segnato

Peugeot TotalEnergies: finale amaro in Qatar

Lascia un commento