domenica, Aprile 18, 2021
News

FV Frangivento Sorpasso: ecco la berlinetta Made in Italy

20Views

La FV Frangivento Sorpasso c’è. Anzi, le FV Frangivento Sorpasso ci sono, perché sono due. La nuova vettura
della Casa torinese, il cui nome rende omaggio al film di Dino Risi con Vittorio Gassman, Catherine Spaak e
Jean Luis Trintignant, infatti, avvia ufficialmente le vendite mostrandosi per la prima volta nelle sue due
versioni: Stradale e GTXX.
La nuova berlinetta sportiva disegnata e realizzata a Torino da Giorgio Pirolo e Paolo Mancini mostra così le
due anime del progetto, che arriva ad ampliare la gamma del brand della “Saetta Italiana” affiancando
l’hypercar Asfanè, con la quale mantiene un forte legame stilistico.
La Sorpasso Stradale è caratterizzata da una linea più pulita ed elegante, presentata con raffinata tinta Grigio
Hèrmes, mentre la Sorpasso GTXX, altrettanto omologata per l’uso quotidiano, punta su carrozzeria bicolore
e su un look più aggressivo, che trae ispirazione dalle competizioni e, più precisamente, dalle vetture di
Gruppo GT3. Con esse ha in comune, ad esempio, appendici aerodinamiche più pronunciate e l’enorme
alettone posteriore.


Entrambe le versioni della Sorpasso saranno dotate di interni realizzati con materiali pregiati come la pelle,
lavorata dallo storico atelier torinese Mario Levi Group, e l’Alcantara. L’abitacolo è stato definito per avere
uno spiccato stampo sportivo, ma si caratterizza per il design minimalista e la cura maniacale dei dettagli. Per
la prima volta l’auto diventa realmente intelligente. Grazie all’adozione della tecnologia di intelligenza
artificiale eeve.ai del gruppo Sistemevo, azienda pluripremiata per la propria tecnologia esclusiva, la Sorpasso
integra come optional un Avatar Driving Assistant: un copilota intelligente, dalle sembianze umane
personalizzabili, con il quale è possibile interagire usando il linguaggio naturale proprio come con un
compagno di viaggio.


La FV Frangivento Sorpasso sarà inoltre ampiamente personalizzabile. La Casa, infatti, dispone di un
Programma Sviluppo e un Programma Ego della durata di 30 giorni che permette al cliente di lavorare fianco
a fianco con gli stilisti della Casa torinese per creare la vettura desiderata. Sull’allestimento GTXX è consentito
intervenire addirittura sul nome. Il cliente può infatti decidere di cambiare la sigla “XX” con una cifra a piacere
in modo da rendere il proprio esemplare assolutamente unico.
«L’abbiamo disegnata insieme ai nostri primi clienti, che sono famosi personaggi dello sport e collezionisti,
proprio per l’esigenza di andare incontro già in fase di progettazione preliminare alle loro esigenze – racconta
Giorgio Pirolo, co-founder e direttore artistico – Con linee morbide e tese allo stesso tempo, mi sono ispirato
a vetture italiane che hanno fatto la storia dell’auto, come ad esempio la Ferrari Dino e la Lamborghini Miura.
Sorpasso mantiene i caratteri stilistici distintivi di Frangivento, con elementi destrutturizzati e compenetranti.
Lo si nota ad esempio a livello dei fanali posteriori. La fiancata, invece, si avviluppa in contrastanti pieni e
vuoti con la classica conchiglia che avvolge la porta. Il design si sviluppa attorno alla aerodinamica, che resta
l’elemento cardine intorno al quale prende forma la vettura. Lo si nota in numerosi dettagli, come ad esempio
la particolare ala posteriore, che ha la duplice funzione di convogliatore d’aria sul tetto e di prominente
spoiler. Abbiamo voluto anche rendere omaggio alla città di Torino: il profilo del vetro laterale, infatti, si
allunga verso la presa d’aria richiamando la sagoma della Mole Antonelliana. La novità stilistica più evidente,
però, si trova all’anteriore, dove spiccano i due passaruota pronunciati sulle ruote che terminano a scivolo
con un becco d’anatra sui due fanali, studiati come lame fendenti dal profilo alare».
Paolo Mancini, co-founder e manager tecnico e commerciale del brand, aggiunge: «La Sorpasso è
una Supercar costruita interamente in Italia con l’ausilio di 15 aziende fornitrici. Per la nostra neonata
Berlinetta Sportiva siamo passati dal noto ed apprezzatissimo body in alluminio ai materiali compositi; la
Sorpasso infatti è realizzata in fibra di carbonio per andare incontro agli aspetti di peso e quindi alle
performance (peso intorno ai 1.300 kg), ma non solo, anche per arricchire il prodotto di quell’aspetto visivo
del carbon look tanto amato dagli appassionati di vetture sportive. Il percorso progettuale di Sorpasso parte
dall’esperienza acquisita con Asfanè che ci permette di ottenere la produzione della vettura nel giro di qualche
mese, siamo infatti in grado di consegnare l’auto al cliente finale in soli 150 giorni da conferma ordine. Gli
interni della Sorpasso sono rivestiti da un mix di pelle ed alcantara, hanno un carattere sportivo e sono
caratterizzati da un design minimal, sono curati a livello maniacale in ogni singolo dettaglio grazie al Know
How di artigiani rigorosamente italiani».


Le due versioni della FV Frangivento Sorpasso si differenziano anche per il diverso powertrain. Entrambe
spinte da un V10 benzina, declinano il propulsore in due versioni: aspirato da 610 CV per la Sorpasso Stradale
e sovralimentato da 850 CV per la Sorpasso GTXX. Dotate entrambe di trazione integrale, con una massa di
circa 1.300 kg, le due auto arrivano a vantare un eccezionale rapporto peso potenza di 1,53 kg/CV. La versione
GTXX scatta da 0-100 in 2”9, da 0-200 in 9”3 e raggiunge una velocità massima di 345 km/h.
Anche la FV Frangivento Sorpasso si è avvalsa della collaborazione di importanti aziende ed eccellenze italiane
tra cui Brembo e Sparco. Adotta speciali cerchi aerodinamici progettati insieme OZ dotati di gomme Pirelli
PZero e può essere verniciata in colorazioni speciali ad opera di Freeland Car. Alcune vetture sono già state
prenotate da appassionati e collezionisti che riceveranno l’auto a fine luglio. Le prime Sorpasso verranno
consegnate a Monte Carlo e negli Emirati Arabi, dove FV Frangivento ha aperto un suo nuovo canale di
distribuzione. L’auto sarà anche esposta a breve nello store di Monaco di Baviera in Blumenstrasse 1, aperto
dal brand ambassador per la Germania Carlo Pirolo. Continua così il processo di espansione internazionale
della Casa torinese, unica ad essere stata invitata ad esporre una propria vettura a Yas Marina durante il
weekend del GP di Formula 1 di Abu Dhabi come esempio dell’eccellenza italiana in campo automobilistico.

Lascia un commento