Seguici sui Social

martedì, Maggio 28, 2024
Novità

Opel Patentmotorwagen System Lutzmann: la prima di Russelsheim

Wilhelm Opel, il 21 gennaio 1899, firmò un contratto con il mastro fabbro di Dessau Friedrich Lutzmann per l’acquisto della sua fabbrica di automobili. La data segna l’inizio ufficiale della produzione automobilistica di Opel, e quindi l’inizio di un’era.

Opel, la crescita

Da quel momento in poi, le cose cambiarono rapidamente: le prime unità della nuova Opel Patentmotorwagen lasciarono la fabbrica nella primavera del 1899 come le prime automobili prodotte a Rüsselsheim – ad oggi, sono seguiti più di 75 milioni di veicoli Opel. Il credo di Opel è sempre stato e continua ad essere quello di rendere la mobilità individuale e le innovazioni accessibili e, soprattutto, convenienti a un’ampia gamma di clienti, in tutti i segmenti della gamma di modelli Opel.

Uno degli esempi principali e attuali è l’ultima generazione della Opel Astra, bestseller della classe compatta, che esce dalla catena di montaggio di Rüsselsheim. Fulcro dell’offensiva elettrica di Opel, rende la mobilità individuale quotidiana a prova di futuro per molti. La nuova Astra Sports Tourer Electric è una delle prime station wagon compatte completamente elettriche di sempre. Tuttavia, esattamente 125 anni fa, l’Opel Patentwagen System Lutzmann ha gettato le basi per continuare a produrre vetture di successo a Rüsselsheim.

La prima Opel del 1899: l’Opel Patentwagen System Lutzmann

La prima automobile Opel “made in Rüsselsheim” fu la Opel Patentwagen System Lutzmann, che uscì dalla fabbrica nella primavera del 1899. Il motore monocilindrico  orizzontale da 1.545 cm con alesaggio di 122 cm e corsa di 132 millimetri, raggiunge una potenza massima di 3,5 CV a 650 giri/min.

Questo viene trasferito all’asse posteriore tramite una trasmissione a due velocità con cinghia di trasmissione. La velocità massima del è di circa 20 km/h. Dopo alcuni mesi, vengono aggiunte versioni più potenti e veloci. È disponibile anche un furgone per le consegne.

Nonostante l’euforia dei pionieri dell’auto di Rüsselsheim, la Opel progettata da Friedrich Lutzmann non era più tecnicamente al passo con i tempi dopo la fine del secolo.

Le cifre di produzione desiderate non sono state raggiunte nemmeno con i miglioramenti nel raffreddamento e nella trasmissione di potenza, nonché con le nuove varianti di carrozzeria progettate da Lutzmann.

Era finito il tempo dei progetti basati sulle carrozze con ruote alte e un motore sotto il sedile. Tuttavia, Friedrich Lutzmann non si vedeva in grado di progettare un’automobile moderna sulla base delle ultime scoperte tecniche e dei mutevoli gusti dei clienti. Così, dopo soli due anni e mezzo, la sua era alla Opel terminò nell’estate del 1901.

Di conseguenza, i fratelli Opel rivolsero sempre più la loro attenzione alla Francia, all’epoca il centro del progresso tecnico. Lì incontrano Alexandre Darracq, un intraprendente pioniere francese dell’auto che aveva già riscosso un primo successo con l’idea di auto leggere e relativamente convenienti.

Darracq fu estremamente disponibile a collaborare. Con l’arrivo dei primi telai e veicoli Darracq nell’inverno del 1901/1902, gli abitanti di Rüsselsheim ebbero finalmente accesso al materiale avanzato che diede loro la possibilità di ottenere un punto d’appoggio permanente nella produzione automobilistica.

Allo stesso tempo, gli ingegneri Opel iniziarono a padroneggiare l’arte della costruzione di motori e automobili. La dipendenza da una sola persona non si sarebbe più ripetuta successivamente. Già nell’autunno del 1902, Opel presentò al Salone di Amburgo la 10/12 HP, il primo progetto interno di Opel.

Dal “kit di costruzione” al “matrimonio”: le innovazioni

Nel 1906 viene già costruito il 1.000° veicolo; La casa automobilistica di Rüsselsheim raggiunse la sua svolta definitiva nel 1909 con la leggendaria “Doktorwagen” da 4/8 CV.

Con 3.950 marchi, costava la metà dei lussuosi modelli concorrenti e aprì la strada a una motorizzazione disponibile ad una fascia più ampia della popolazione. Anche l’introduzione del sistema modulare nel 1910 contribuì in modo significativo a questo.

Opel è stato il primo costruttore tedesco a introdurre la produzione su larga scala utilizzando la tecnologia della catena di montaggio. La prima vettura ad uscire dalla catena di montaggio in Germania nel 1924 fu la “Laubfrosch” 4/12 PS, sempre verniciata di verde.

Solo tre anni dopo, la Opel 4 PS, con un prezzo base di soli 2.980 marchi, non era più un costoso oggetto di lusso per i benestanti, ma si trasformò in un mezzo di trasporto affidabile per molti. Allo stesso tempo, grazie a una produzione razionale, l’auto è diventata più accessibile di anno in anno e con prestazioni in continuo aumento. La domanda di Opel continuò a crescere e nel 1931 il 1.2 litri divenne la prima vera “auto del popolo”.

La successiva rivoluzione nella produzione seguì poco dopo. Nel 1935, il nuovo modello Opel Olympia divenne il primo veicolo tedesco prodotto in serie con una carrozzeria monoscocca interamente in acciaio, che, grazie al suo peso ridotto, garantiva migliori prestazioni di guida e bassi consumi di carburante.

Per la prima volta, il nuovo design ha permesso il cosiddetto “matrimonio” tra la carrozzeria e i propulsori. L’intero processo di produzione è stato quindi più veloce ed efficiente, aprendo la strada al metodo di costruzione per entrare nella produzione su larga scala.

Opel Astra Sports Tourer Electric: la novità di oggi

Appena un anno dopo, Opel ha stabilito la tradizione di quasi nove decenni di storia di modelli di classe compatta di successo: con la Kadett, Opel è il primo costruttore a portare sul mercato un’auto compatta adatta alle famiglie e, soprattutto, a prezzi accessibili. E così ancora oggi i bestseller “Kadett” e “Astra” sono sinonimo di innovazioni accessibili nella classe delle compatte.

Lo dimostra anche l’ultima generazione di Opel Astra, progettata, ingegnerizzata e prodotta a Rüsselsheim, elettrificata, ricca di equipaggiamenti tecnologici e allo stesso tempo adatta all’uso quotidiano.

Sistemi come i fari a matrice Intelli-Lux LED® Pixel, al vertice della categoria, con un totale di 168 elementi LED adattivi, e Intelli-Drive 2.0 con assistente semiautomatico al cambio di corsia e regolazione intelligente della velocità garantiscono la massima sicurezza. Piacere di guida responsabile significa anche essere su strada a zero emissioni locali.

Ed è proprio questo che rende possibile la nuova Opel Astra Sports Tourer Electric, una delle prime station wagon completamente elettriche, con un motore elettrico da 115 kW (156 CV), una potente coppia massima di 270 Newton metri e un’autonomia WLTP fino a 413 chilometri. In questo modo, l’attuale Opel Astra, come tutti i modelli futuri, porterà avanti l’elettrificazione del marchio nel 2024, anno dell’anniversario.

LEGGI ANCHE:

Opel storiche: l’appuntamento a Ferrara

Nuovo Opel Frontera: il SUV anche completamente elettrico

Lascia un commento