Seguici sui Social

martedì, Maggio 28, 2024
NovitàTest Drive

Nuova Volkswagen Passat – Wagon e Stop!

Cambio faccia ma non troppo, Volkswagen Passat ci ha sempre abituato così ed anche stavolta con la nuova edizione, siamo arrivati alla nona generazione, il copione è sempre lo stesso passo dopo passo verso l’affinamento del prodotto con l’introduzione delle motorizzazioni ibride plug-in, il miglioramento del sistema multimediale e la conferma del motore diesel, fattore irrinunciabile per un’auto nata per macinare chilometri.

Oltretutto, le dimensioni crescono e la scelta della sola variante station wagon la pone ai vertici della categoria per chi predilige auto dalla massima versatilità, capacità di carico ed autonomia in viaggio.

Ebbene si, perché nel grande bagagliaio si sfruttano tutti i cm a disposizione, 690 litri di capacità di carico totale, con ben 40 litri in più rispetto a prima, che possono aumentare a 1920 litri con gli schienali posteriori abbattuti.

Se lo stile della nuova Passat non è una rivoluzione ma una evoluzione dei recenti modelli, a bordo si respira davvero aria nuova con un ricambio tecnologico molto marcato. Davanti a noi si apre lo schermo del sistema multimediale da ben 15 pollici che dispone del sistema digitale più evoluto già visto sulla ID.7.

Tutte le Passat dispongono di cambio robotizzato a doppia frizione con la leva posizionata dietro al volante.

Con un’interfaccia ricca ma intuitiva, la nuova Volkswagen Passat si distingue per l’accessibilità dei suoi comandi, con il controllo del clima e dei sedili riscaldabili sempre a portata di mano.

Tuttavia, l’assenza di comandi fisici per il clima, gestito tramite una striscia sensibile al tocco sul display, potrebbe risultare un inconveniente. Con una gamma di motori che include opzioni diesel ,benzina e ibride plug-in, la Passat offre prestazioni e efficienza per ogni esigenza, con la possibilità di ricarica rapida elettrica per le versioni ibride plug-in.

Volkswagen Passat dispone dei nuovi ammortizzatori a controllo elettronico DCC Pro con gestione della taratura integrata con i sistemi di guida.

L’attenzione alla qualità costruttiva è evidente sia all’interno che all’esterno, con materiali premium e assemblaggi di alto livello.

La dinamica di guida della Passat offre un equilibrio tra prestazioni e comfort di marcia, con uno sterzo preciso e un assetto pressoché perfetto.

Le opzioni di motorizzazione, come il diesel 2.0 o l’ibrida plug-in eHybrid, offrono prestazioni superiori senza compromettere l’efficienza nei consumi. Il diesel è disponibile con potenze variabili da 122 a 150 cv, con la 193 CV dedicata solo alla 4×4.

Sul fronte ibrido, la mild-hybrid ha 150 CV, mentre le plug-in 204 o 272 CV con circa 100 km di autonomia dichiarata e tempi di ricarica fino all’80% che si riducono a 30 minuti con le colonnine ultra fast.

Insomma, nuova Passat si fa in tre, ibrida, alla spina e senza rinunciare al diesel mamantenendo l’unica variante station wagon che appare quella vincente.

LEGGI ANCHE:

Volkswagen Golf compie 50 anni: la storia e i successi

Volkswagen Passat Variant. Un successo che si rinnova

Lascia un commento