Seguici sui Social

martedì, Maggio 28, 2024
NovitàTest Drive

Fiat Pandina – Panda Top Class

Da Panda a Pandina, dal nome al soprannome il passo è breve. Fiat sceglie il soprannome Pandina della citycar più amata dagli italiani per una versione speciale che ha tutto ma proprio tutto di serie e più che ina dovrebbe chiamarsi ona, Pandona, sia per la qualità e quantità di accessori inseriti, che per il prezzo che si gonfia fino ad oltre 18mila euro. Peraltro giustificati visto che la nuova serie speciale fiat Pandina si basa sulla versione top di gamma Cross, ma ben al di sopra degli standard di Panda, citycar e seconda auto di famiglia per antonomasia per noi italiani.

Ascolta questo articolo con il podcast di motorcube

Quindi, non abbiate paura chi non ha bisogno della top class Pandina, potrà sempre optare per intramontabile ed economica Panda, in attesa ovviamente della elettrica, che sarà presentata l’11 luglio. Dalla gamma invece, esce di scena la variante 4×4, altro punto fermo tra le citycar a 4 ruote motrici.

Tornando alla nostra Panda, abbiamo avuto conferma che continuerà a essere prodotta a Pomigliano d’Arco, menomale, con un aumento della produzione del 20% per soddisfare la domanda dei clienti in Italia e in Europa. La nuova fiat Pandina, così a prima vista sembra identica alla conosciuta panda Cross eccetto che per i loghi Pandina ben in evidenza sulle portiere, i coperchi gialli degli specchietti ed i fari serigrafati “Pandina“.

La Pandina si può scegliere nei colori Bianco Gelato, Nero Cinema, Rosso Passione, Blu Italia e il nuovo Giallo Positano, comprese le versioni bicolori con tetto nero

Guarda il TEST DRIVE della nuova FIAT Pandina 2024

Se fuori non cambia o cambia poco – ma poi perché cambiare se piace – una volta dentro la musica cambia e parecchio. Davanti a noi si sviluppa un nuovo quadro strumenti digitale da 7”, abbinato ad un inedito sistema multimediale con touchscreen di 7 pollici compatibile con Android Auto ed Apple CarPlay. Lo stile degli interni è enfatizzato da una fascia bianca sulla plancia e da sedili specifici con logo “Pandina” in rilievo, con un occhio anche alla sostenibilità grazie ai tessuti in Seaqual riciclati da rifiuti marini.

Non mancano anche tutti gli ADAS di sicurezza ed assistenza alla guida di ultima generazione, ovviamente di serie: dal sistema di frenata d’emergenza automatico, al mantenimento della corsia, al rilevamento della stanchezza del conducente e il riconoscimento dei segnali stradali. Non mancano poi i sensori di parcheggio posteriori, il cruise control per una guida più rilassata in autostrada e le luci abbaglianti automatiche. La maggior parte degli ADAS è gestita attraverso una telecamera montata sullo specchietto retrovisore interno. A completare la dotazione di sicurezza ci sono infine 6 airbag.

Non cambia il motore, anzi viene migliorato ed ingentilito nei parametri di erogazione ed economicità d’uso, si tratta del conosciuto ed apprezzato 1.0 mild hybrid da 70 CV a trazione anteriore e cambio manuale a 6 marce. E su strada sia che si chiami Panda o Pandina, la musica non cambia, è la solita piccola, grande citycar che tutti conosciamo, che svicola rapida che è un piacere nel traffico, si parcheggia facile e ci si carica l’impossibile.

Guarda le Foto della nuova Fiat Pandina 2024

Leggi anche

FIAT, leadership confermata a febbraio 2024: i numeri

Fiat 500e, primo premio americano: Urban Green Car of the Year 2024

Lascia un commento