Seguici sui Social

giovedì, Giugno 20, 2024
NovitàTest Drive

 Ford Mustang Dark Horse – Pronto pista!

Cos’ha una Mustang di diverso rispetto alle altre? Un logo iconico, una storia da cult movie ed un chilometrico cofano che si chiude come uno scrigno magico su un poderoso motore V8.

Non è una super sportiva vera e propria, troppo pesante, poco aerodinamica, troppo muscolosa, troppa in tutto in senso assoluto, ma questo suo essere fuori dagli schemi l’ha resa un mito.

Un mito americano al pari di altre muscle car a stelle e strisce, con tanti cavalli sotto al cofano e tanto rumore allo scarico, perché questo vuole chi sceglie una brucia semafori.

Sentire il rombo del V8 è puro piacere, e fare copia incolla del logo mustang su un suvvone elettrico è davvero altra cosa… comunque, tornando a bomba sulla nostra protagonista, la novità a tutta performance targata Ford, è la nuova Mustang Dark Horse col suo V8 super vitaminizzato. Sotto il cofano, la Dark Horse monta il V8 5 litri aspirato più potente di sempre.

Con bielle forgiate dalla GT500 sovralimentata e una messa a punto specifica del software, eroga piùdi 500 CV, anche se a noi arriva una versione meno esasperata con una cinquantina di cavalli in meno.

Motore5.0 l V8 da 453 CV
CambioAutomatico a 10 rapporti o Manuale a 6
Velocità Max263 km/h
Accelerazione0-100 km/h: 4,4 sec (5,2 cambio manuale)
Prezzoda € 68.000

Sebbene non offra una coppia stratosferica ai bassi regimi come alcune delle sue concorrenti sovralimentate o turbocompresse, la potenza è sufficiente per una spinta comunque poderosa. Il motore aspirato offre una risposta lineare, con la coppia che aumenta fino a un picco di 4.900 giri/min e rimane costante fino al limitatore.

Per avere il massimo piacere di guida, è consigliabile abbinare il V8 al cambio manuale Tremeca sei marce, dotato di un’ottima leva e del sistema no-lift-shift. Tuttavia, per chiama le comodità, c’è anche un cambio automatico a 10 rapporti. Con il suo aspetto possente da muscle car e tutte le forme che vengono enfatizzate da appendici aerodinamiche ad hoc, vedi lo spoiler posteriore, è senza alcun dubbio la versione più accattivante della settima generazione Mustang.

A bordo, l’approccio è essenziale nei comandi ma si traduce in un ambiente che offre materiali di qualità superiore in un allestimento premium che non lascia nulla al caso, e con l’opzione dei sedili Recaro che offrono un ottimo supporto a chi ha velleità da pista.

Il nuovo pacchetto tecnologico include strumentazione digitale e un display centrale, con grafiche specifiche per le modalità di guida più sportive. Le sospensioni adattive Magne Ride di serie offrono una risposta variabile a seconda della modalità di guida, dalla più confortevole Normal alla più performante Track che la rende rigida come un kart, garantendo una maggiore presenza e sicurezza in curva.

In pista, la Dark Horse dimostra un’agilità inconsueta viste le caratteristiche a cui siamo abituati e un comportamento impeccabile grazie al pacchetto Handling, che include pneumatici Pirelli P Zero Trofeo RS e altre migliorie.

Insomma, se la scelta di condividere il logo Mustang con le elettriche Ford ci aveva fatto storcere il naso, con la Dark Horse lo spirito Mustang ha ridato spessore e peso ad un’icona che non può prescindere dal suo inconfondibile V8!

LEGGI ANCHE:

Ford Puma – Hi-tech Revolution

Ford Ranger MS-RT. Urban per eccellenza

Lascia un commento