Seguici sui Social

mercoledì, Giugno 19, 2024
Hybrid ElectricNovitàUtility

Le sette sorelle si uniscono per diffondere l’auto elettrica

Sette tra le principali case automobilistiche del mondo – BMW Group, General Motors, Honda, Hyundai, Kia, Mercedes-Benz Group e Stellantis NV – stanno creando una joint venture per accelerare la transizione ai veicoli elettrici in Nord America, rendendo la ricarica più pratica, accessibile e affidabile.

La joint venture includerà lo sviluppo di una nuova rete di ricarica ad alta potenza con almeno 30.000 caricatori per rendere la guida a zero emissioni ancora più accessibile per milioni di clienti.

Con gli investimenti nella ricarica pubblica in corso a livello federale e statale, la joint venture farà leva su fondi pubblici e privati per accelerare l’installazione di punti di ricarica ad alta potenza per i clienti. Le nuove stazioni saranno accessibili a tutti i veicoli elettrici a batteria di qualsiasi casa automobilistica che utilizzano il Combined Charging System (CCS) o il North American Charging Standard (NACS) e soddisferanno o supereranno i requisiti del programma NEVI (National Electric Vehicle Infrastructure) degli Stati Uniti.

La joint venture mira ad affermarsi come la principale rete di stazioni di ricarica affidabili e ad alta potenza del Nord America.

La costituzione della joint venture è prevista per quest’anno, a condizione che vengano soddisfatte le consuete condizioni di chiusura e le approvazioni normative.

Le prime stazioni dovrebbero essere inaugurate negli Stati Uniti nell’estate del 2024 e in Canada in una fase successiva. Ogni sito sarà dotato di caricatori multipli a corrente continua ad alta potenza, per facilitare i viaggi di lunga distanza dei clienti. In linea con le strategie di sostenibilità di tutte e sette le case automobilistiche, la joint venture intende alimentare la rete di ricarica esclusivamente con energia rinnovabile.

Una customer experience di qualità

La nuova rete di ricarica ad alta potenza eleverà l’intera esperienza dei veicoli elettrici e ne promuoverà l’adozione.

La rete fornirà un’esperienza di ricarica senza soluzione di continuità, integrata con il veicolo, basata sulle energie rinnovabili e supportata dalla qualità, dall’affidabilità e dalle risorse delle case automobilistiche leader a livello mondiale. Le stazioni, incentrate sul comfort dei clienti e sulla facilità di ricarica, saranno situate in posizioni pratiche, ove possibile con tettoie e servizi igienici, punti ristoro e attività commerciali nelle vicinanze o all’interno dello stesso complesso. Un numero selezionato di stazioni ammiraglie sarà dotato di ulteriori servizi, offrendo un’esperienza di prim’ordine progettata per mostrare il futuro della ricarica.

I piani iniziali prevedono la realizzazione delle stazioni di ricarica nelle aree metropolitane e lungo le principali autostrade, compresi snodi strategici e percorsi per luoghi di villeggiatura, con l’obiettivo di offrire una stazione di ricarica ovunque le persone scelgano di vivere, lavorare e viaggiare.

Le funzioni e i servizi della rete consentiranno una perfetta integrazione con le esperienze di bordo e in-app delle case automobilistiche partecipanti, tra cui prenotazioni, pianificazione intelligente dei percorsi e navigazione, applicazioni di pagamento, gestione trasparente dell’energia e altro ancora. Inoltre, la rete sfrutterà la tecnologia Plug & Charge per migliorare ulteriormente l’esperienza dei clienti.

Una rete aperta per guidare la crescita dei veicoli elettrici

Con l’introduzione di un maggior numero di veicoli elettrici e l’aumento del tasso di adozione da parte dei consumatori, cresce parallelamente anche la domanda di ricarica pubblica veloce e affidabile.

Secondo il Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti, a luglio 2023 negli Stati Uniti saranno disponibili 32.000 caricatori veloci a corrente continua per 2,3 milioni di veicoli elettrici, con un rapporto di 72 veicoli per caricatore. Il National Renewable Energy Laboratory (NREL) stima che saranno necessari 182.000 caricatori veloci CC per supportare i 30-42 milioni di veicoli che necessitano di ricarica previsti per il 2030. Poiché si prevede che le vendite di veicoli elettrici negli Stati Uniti supereranno il 50% delle vendite totali entro il 2030, l’espansione di un’infrastruttura di ricarica affidabile diventerà ancora più critica per l’adozione diffusa degli EV. La creazione di una rete di ricarica all’avanguardia garantirà che l’infrastruttura EV supporti sia le vendite di veicoli elettrici attuali che quelle previste, favorendone l’adozione.

Leggi anche:

Auto elettrica, quanto costa ricaricarla?

Full hybrid, mild hybrid e plug-in hybrid. Quando conviene acquistarle (o noleggiarle)?

Mappa colonnine di ricarica elettrica in autostrada aggiornata ad Agosto 2023

Lascia un commento