Seguici sui Social

EventiNovità

Dalle ceneri della Lamborghini Diablo, nasce il restomod Eccentrica

Si è tenuto a Milano, presso il suggestivo Garage 21 di Milano è stato teatro dell’unveiling del prototipo Eccentrica, il “restomod” basato sulla Diablo degli anni ‘90, che rende omaggio a un grande modello entrato nella storia.

Si tratta del primo prodotto dell’omonima start-up con sede a San Marino, che punta a diventare una delle prime realtà internazionali di “restomod”.

Il progetto nasce dalla passione dell’imprenditore sammarinese, Emanuel Colombini, e da un parterre di soci investitori tra cui Angelo Radici, Presidente di Radici Group, Riccardo Marzorati e Giovanni Battista Vacchi, AD Colombini Group e Founder GBV Partners.

A queste realtà, si sono aggiunti partner tecnici che hanno realizzato o scelto contenuti esclusivi per il prototipo di Eccentrica, quali gli pneumatici di Pirelli, l’impianto frenante di Brembo, il sistema audio di Marantz, l’impianto di scarico di Capristo e i rivestimenti di Alcantara.

Il punto di partenza di qualunque “restomod” è una vettura iconica non più in produzione, la cosiddetta “donor car”, che viene ridisegnata e ricostruita con l’integrazione di componenti moderni. Il risultato finale è un’auto dotata di soluzioni all’avanguardia e finiture di alta qualità, sebbene mantenga la riconoscibilità e la personalità del passato.

Nel caso di Eccentrica la “donor car” appartiene alla prima serie del modello Diablo. Al suo esordio, nel gennaio 1990, la supercar creò scalpore sia per le linee pulite e audaci disegnate da Marcello Gandini sia per le sue elevate prestazioni, tanto da essere la vettura di serie più veloce per l’epoca con una velocità massima di 325 km/h.

Il mercato del “restomod” è in forte espansione. Ed è proprio qui che entra in gioco Eccentrica, la start-up con sede a San Marino.  La prima Eccentrica dedicata alla Diablo è un’autentica Few Off che sarà prodotta in 19 esemplari per cui il suo valore è destinato a crescere nel tempo, proprio perché sono in aumento gli appassionati di questo particolare settore sospeso tra il fascino del passato e l’innovazione del presente.

La fase di lancio del prototipo Eccentrica, dopo l’esordio di Milano, proseguirà sotto i riflettori di uno degli eventi automobilistici più attesi dell’anno, il Goodwood Festival of Speed, dal 13 al 16 luglio in Gran Bretagna. Ad agosto, poi, il prototipo è atteso alla Monterey Car Week con un evento esclusivo in partnership con importanti dealer del settore.

Design fedele alle radici

Il “restomod” basato sulla Diablo firmato Eccentrica ha richiesto un accurato studio di design con l’obiettivo di enfatizzare il carattere e gli stilemi del modello originale, conservandone l’iconicità. In particolare, l’intervento dello studio BorromeodeSilva ha valorizzato il giusto equilibrio tra dimensioni e performance, prendendo ispirazione dalla sportivissima Diablo GTR.

La carrozzeria della “donor car” è stata totalmente rivista, con l’eccezione del parabrezza che rimane originale. Tutte le altre parti (paraurti, cofani, fiancate e minigonne) sono state sostituite con componenti nuovi, garantendo una perfetta integrazione e una maggiore efficienza. Il tutto impreziosito da una serie di dettagli accattivanti, che non passeranno inosservati a un occhio esperto e amante del design italiano.

Tutto il frontale è stato razionalizzato e pulito. L’estrattore di grandi dimensioni prende ispirazione dalla Diablo GT mentre i passaruota sono stati attualizzati e integrati ma conservano l’iconica struttura ad arco di Gandini. Anche la minigonna è stata ridisegnata inserendo una pinna aerodinamica. Il finestrino è stato portato in continuità per integrare ancora meglio il montante B e creare un’unica forma. Invariate, invece, le famose porte “a farfalla”.

Sulla fiancata risaltano i nuovi cerchi in lega da 19”, sia all’anteriore che al posteriore, il cui disegno deriva dal mondo del motorsport.

Tra gli elementi più distintivi ed eccentrici della nuova hypercar ci sono i proiettori anteriori, soprannominati “fari Pop-Down”, che si contraddistinguono per un un’estetica retro-futuristica e un funzionamento compatibile con le norme di omologazione attuali.

Gli interni di Eccentrica sono stati pensati come il punto di incontro tra il minimalismo dei primi anni ‘90 e la meccanica elevata ad arte tipica dell’orologeria di lusso.

Dal disegno pulito e semplice, il volante rispecchia la filosofia generale dell’auto, ovvero preservare l’essenza della Diablo aggiungendo un tocco di raffinatezza in più. Così, piuttosto che sostituirlo con uno moderno dotato di comandi integrati, si è preferito rivisitare il volante originale rendendolo più ergonomico e di qualità superiore più al passo con i tempi per una guida intuitiva e sicura tanto nell’impiego quotidiano quanto in pista. In vista frontale, presenta due indicatori a forma di corna, che si accendono quando viene avviata la vettura. Dietro, invece, si possono apprezzare una serie di dettagli tecnici a vista, che richiamano tanto gli ingranaggi di un orologio di alta precisione quanto la bellezza meccanica espressa dalle auto da corsa.

Il piantone dello sterzo è composto da un’asta in fibra di carbonio, che rende omaggio alla Diablo GTR, mentre il nuovo logo è posto sul volante in posizione decentrata sia per rispetto del brand originale sia per esprimere il concetto di eccentricità caratteristico del progetto. Anche il cambio, dietro a una forma molto semplice e pulita, cela una raffinata lavorazione di fresatura dal pieno, che lo rende un oggetto di design unico e prezioso.

La plancia è stata ridisegnata attualizzandone l’ergonomia e l’aspetto estetico, come dimostra la sostituzione delle bocchette dell’aria condizionata in plastica con una sottile ed elegante fessura, lungo tutto il cruscotto, che assicura una distribuzione uniforme dell’aerazione contribuendo al miglior benessere a bordo e al comfort di viaggio. Allo stesso modo, il cluster degli strumenti è stato oggetto di una rivisitazione significativa sia in termini di qualità che di presentazione delle informazioni. Caratterizzato da un look anni ‘90, il quadro strumenti è completamente analogico mentre le grafiche e i comandi, tutti fisici e non digitali, derivano dal motorsport.

Ogni veicolo sarà dotato di un raffinato e potente sistema audio creato in collaborazione con Marantz, per un’esperienza sonora di altissimo livello.

Guida estrema e analogica

Fin dalla fase preliminare, i designer dello studio BorromeodeSilva stanno collaborando a stretto contatto con un team di ingegneri, esperti del motorsport e del settore “restomod”, che stanno curando l’upgrade tecnologico, attualmente in via di validazione.  Una volta completato lo sviluppo tecnico, infatti, Eccentrica sarà una vettura omologata per la circolazione su strada ma anche una forte tentazione per chi invece vuole scendere in pista. Nelle prime simulazioni virtuali le prestazioni sono da vera hypercar: accelerazione da 0 a 100 km/h in soli 3,5 secondi, velocità massima di 335 km/h e accelerazione laterale in curva di 1,2 g.

Il motore V12 da 5,7 litri originale è stato modificato introducendo evoluzioni tecniche, quali nuove valvole e assi a camme, e incrementando leggermente la potenza massima (550 CV a 7.000 giri/min) e la coppia massima (600 Nm a 6.500 giri/min). A questo intervento, ancora in fase di validazione, si abbina un ampio utilizzo di materiali compositi capaci di ridurre il peso complessivo della vettura, come il titanio e la fibra di carbonio. Si punta a raggiunge così un eccellente rapporto peso/potenza (inferiore a 2,9 kg/CV). Inoltre, per una maggiore stabilità e sicurezza della vettura, è stato rinforzato e irrigidito il telaio tubolare in acciaio.

A gestire l’esuberante potenza “scaricata a terra”, contribuiranno gli pneumatici Pirelli P Zero Trofeo R, un semi-slick da pista omologato anche per uso stradale, che deriva dall’esperienza di Pirelli nelle principali competizioni motorsport mondiali.

Altra novità introdotta sul prototipo Eccentrica è l’impianto frenante sviluppato appositamente da Brembo, altro leader globale del mondo automotive e del motorsport. Si tratta di un sistema nuovo ed esclusivo, composto da una pinza monoblocco 6 pistoni dal design scultoreo e da dischi “baffati” che riprendono le linee geometriche della Diablo. Grazie ad un innovativo processo di fusione con tecnologia 4D, le pinze freno Brembo consentiranno alla vettura finale di frenare da 100 Km/h a 0 in soli 34 metri, ossia 7 metri in meno rispetto al modello originale, ottenendo quindi una riduzione dello spazio di frenata superiore al 20%.

Infine, il prototipo Eccentrica è dotato di un sofisticato impianto di scarico con terminali in lega di alluminio, realizzato da Capristo, che esalta il sound inconfondibile e ottimizza le prestazioni del V12.

Approccio tailor-made

La prima Eccentrica basata sulla Diablo sarà prodotta in soli 19 esemplari personalizzati scegliendo fra numerose varianti tra tinte di carrozzerie, rivestimenti, tessuti e materiali. Ciò significa che non ci saranno al mondo due vetture identiche. Lo studio di design BorromeodeSilva  accompagnerà il cliente lungo l’intero percorso di customizzazione A supporto della personalizzazione sono state sviluppate tre proposte di stile con al loro interno diverse opzioni che fanno da guida ai trend più cool delle configurazioni del mondo automotive. L’intero processo di elaborazione stilistica e meccanica firmata Eccentrica della Diablo richiederà un tempo stimato compreso tra 16 e 18 mesi, compresa una fase di testing in diverse condizioni, e avrà un prezzo della trasformazione a partire da 1.200.000 euro, che rifletterà la personalità e i gusti del cliente portandolo al volante della sua icona unica e irripetibile. Il prezzo non include l’acquisto della “donor car” sul mercato internazionale.

Leggi anche:

Nuova Lamborghini Revuelto: com’è fatta la prima ibrida del Toro

Lamborghini Aventador: termina la produzione

La Kimera EVO37 nº2 raggiunge la Spagna

Lascia un commento