lunedì, Gennaio 30, 2023
Hybrid ElectricNewsTest Drive

Audi SQ8 e-tron – Il lusso si evolve

Static photo, Colour: Mythos Black metallic.

Nel 2018 ha inaugurato l’era della mobilità a zero emissioni dei Quattro Anelli, ora si aggiorna per affinare il design e rimodellare le sue possenti forme in nome dell’aerodinamica. Si chiama Audi Q8 e-tron, un tempo solo e-tron, per semplificare l’appartenenza al segmento più spazioso ed imponente.

Insomma il modello di punta, per chi cerca il lusso senza inquinare, mantenendo le prerogative di potenza e sportività che avevano contraddistinto anche la versione pre restyling.

Infatti, specialmente con la versione più aggressiva, la SQ8 e-tron, ci troviamo di fronte ad un supersuv, con pochi rivali sul mercato.

Chiaramente Audi nell’estetica, questo nuovo restyling offre dettagli di pregio ad una carrozzeria scolpita da spigoli vivi, come racconta la nuova calandra, ristilizzata per offrire una migliore organizzazione dei flussi e dare un tocco di novità ad un muso ripetuto molte volte all’intero della gamma Audi. 

Un nuovo gioco di sottrazioni volumetriche va ad incorniciare la calandra, mentre una striscia led svolge il compito di unire stilisticamente la firma luminosa anche sull’anteriore, creando così una coerenza estetica con la visione posteriore.

Rispetto alla sorella senza S, su SQ8 e-tron troviamo anche l’aggiunta di superfici impegnate a migliorare flussi aerodinamici favorendo la performance, ma anche l’efficienza.

All’interno è la digitalizzazione a farla da padrona, mettendo quasi in secondo piano la solita ottima qualità costruttiva dei Quattro Anelli, completamente in linea con il segmento da ammiraglia di questo suv elettrico.

Davanti al posto guida non sorprende il cockpit virtuale, ormai marchio di fabbrica, e neanche i due schermi posti al centro tra plancia e tunnel centrale per gestire l’infotainment e climatizzazione. 

A sostituire gli specchietti arrivano poi due telecamere riprodotte tramite display ad alta definizione, posizionate ai lati della plancia, in grado di offrire una visione chiara e luminosa di cosa ci circonda. A questo ovviamente si aggiungono una suite di assistenti alla guida di prim’ordine, per rimarcare l’attenzione alla sicurezza da parte del Brand.

Sotto al cofano difficile trovare di meglio, con tre motori elettrici pronti a spingere i quasi 28 quintali della vettura, con cavalli e coppia a non finire.

Certo la bilancia parla chiaro, e chi si aspetta un comportamento da piccola sportiva deve rifare i propri calcoli, ma nei sorpassi SQ8 e-tron regala grandi soddisfazioni.

Affondare il pedale dell’acceleratore è un’emozione, provando l’ebrezza di scattare da 0-100 in appena 4,5 secondi, ma bisogna fare attenzione, perché qui non ci sono limiti elettronici per la velocità massima, perciò vi troverete a raggiungere i 200 km/h in un lampo.

Insomma, in casa Audi hanno cambiato nome, cambiato volto ma non hanno modificato l’indole corsaiola di una vettura che promette il lusso tedesco per tutta la famiglia, e senza grandi rinunce per quanto riguarda l’autonomia, potendo contare su quasi 500 km in ciclo misto (WLTP).

L’ultima nota, la più dolorosa, riguarda il prezzo, anche se non ancora ufficializzato, difficilmente lo troveremo sotto la soglia dei 100.000 euro, altrimenti che lusso sarebbe.

Lascia un commento