lunedì, Agosto 8, 2022
Hybrid ElectricNewsTest Drive

Nuova Volkswagen Touareg eHybrid – Norway On The Road

Touareg eHybrid

Il richiamo della Norvegia è irresistibile e questa volta ad accompagnarci è il Suv Volkswagen Touareg eHybrid.

​A bordo dell’ammiraglia rialzata del Brand tedesco siamo pronti ad immergerci nella coltre bianca a nord dell’Europa.

​Il viaggio tra le Alpi, Germania e Svezia ci offre un assaggio delle  temperature che ci attendono e ci consente di mettere subito alla prova le performance del nostro suv.

Con un connubio tra potenza e sostenibilità questa Touareg eHybrid, grazie al V6 accoppiato ad un sistema elettrico alla spina, non abbiamo timore di nessuna salita, e la trazione integrale è una prerogativa essenziale quando si affrontano strade innevate.

Nei paesi nordici, quasi ogni piccolo paesino dispone di colonnine di ricarica, quindi una breve sosta per scoprire le bellezze del territorio e siamo subito pronti a ripartire mantenendo consumi di benzina al minimo.

Nel comfort della nostra ammiraglia superiamo Oslo, una breve sosta per la notte e subito deviamo verso il parco nazionale di Rondane.

Qui la nostra Touareg non può accompagnarci e tocca ai muscoli farsi strada attraverso il territorio incontaminato della famosa “Dimora dei Giganti”.

Dal tetto della Scandinavia, a ben 2469 metri di altezza, il panorama ci ripaga di tutto lo sforzo fatto.

Prossima tappa i fiordi, dove le montagne sembrano crescere dall’acqua e la natura trova nell’azzurro il suo colore primario. Con gli sci ai piedi abbiamo la possibilità di osservare questo panorama da un’altra prospettiva, che ci ripaga magnificamente dello sforzo.

 Ma le nubi si fanno impetuose e ci costringono a tornare al riparo nella nostra Touareg, un caldo focolare nel bianco che ci circonda.

Touareg eHybrid

Con lei ci dirigiamo verso zone più popolate, e scopriamo con sorpresa le capacità di adattamento dell’uomo in ogni condizione.

Un fattore condiviso con la nostra Touareg, che ci dà di nuovo una prova di forza affrontando strade dove la fitta coltre bianca cattura e spaventa.

Un piccolo spiraglio tra le nubi è l’occasione che stavamo aspettando per dirigersi verso l’ultima tappa del nostro viaggio: il famoso trampolino tra i fiordidell’Holmenkollen, esempio di architettura organica, capace di inserirsi nella natura senza minacciarne la bellezza.

​Intrapresa la strada del ritorno attraversiamo i 24 km della galleria più lunga del mondo che per un attimo distoglie il nostro sguardo dal bianco incontaminato del territorio scandinavo. 

​Ancora qualche chilometro cullati dalla nostra Touareg ed arriviamo ad Oslo, dove le pittoresche statue sul ciclo della vita rallegrano la nostra tristezza nel dover tornare a casa, e ci ricordano aver riempito l’unico bagaglio che il nostro Suv non è in grado di portare, quello di emozioni.

Lascia un commento