martedì, Giugno 28, 2022
Hybrid ElectricNewsUtility

Usato a basse emissioni – La scelta furba?

I rincari alla pompa di benzina e la demonizzazione del gasolio sta portando il cliente medio a porgere lo sguardo verso il mondo elettrificato, settore che al momento, grazie agli incentivi statali e la tecnologia giovane si rivolge principalmente a vetture nuove.

Dall’altra parte però, a scoraggiare la clientela ci pensa la crisi dei microchip, con liste di attesa che si attestano a più di sei mesi nella maggior parte dei casi.

Uno sconforto in fase di preordine della vettura, che porta a rivolgersi verso altre alternative di mercato ed i numeri parlano chiaro: i passaggi di proprietà segnano numeri doppi nell’usato rispetto al nuovo.

Ecco quindi che chi, ad esempio, è alla ricerca di una Citroen C5 hybrid o addirittura una Peugeot e-208, si sposta nel mercato dell’usato, trovando un’offerta ristretta e tutti i dubbi dovuti alle garanzie ridotte dei concessionari privati, spesso non specializzati nelle nuove tecnologie e quindi non in grado di assicurare vetture all’altezza del nuovo.

Ma quali sono i fattori a cui bisogna stare attenti quando si guarda all’usato elettrificato?

Innanzitutto la batteria: in particolare nelle vetture 100% elettriche, come potrebbe essere una Opel Corsa-e, l’usura non riguarda le componenti del motore o del cambio, visto la differente struttura del motore, in grado di lavorare per molti anni generalmente senza problemi, ma si concentra nel reparto batteria che è il cuore dell’autonomia della vettura e parte incredibilmente costosa da sostituire. Per questo avere una certificazione almeno biennale su quest’ultima è di primaria importanza.

Anche telaio ed ammortizzatori di vetture come Corsa-e hanno bisogno di attenzione, essendo costretti a svolgere un lavoro più corposo alle controparti termiche, visto il maggiore peso che presentano.

Quasi scontato ma non per tutti, l’assenza di incidenti nascosti, individuabile tramite lo spessore delle verniciature, unico strumento nella maggior parte dei casi, in grado di identificare strati sospetti che nascondono una ritinteggiatura dovuta a collisioni.

In un mare di dubbi qualche eccezione c’è e per la maggior parte parla francese: un’offerta tra le più pioneristiche ha permesso a Brand come Peugeot, Citroen, Opel e DS di muoversi preventivamente verso il mondo dell’usato elettrificato, raggruppando le proprie vetture usate all’interno di un’unica offerta, specializzata sulla tecnologia e con tutte le garanzie che offre il marchio stesso.

Sotto il nome Spoticar arriva così una scelta intelligente per chi guarda al mercato dell’elettrico e non ha il tempo di aspettare, o semplicemente vuole risparmiare mantenendo le garanzie del nuovo.

Lascia un commento