lunedì, Ottobre 18, 2021
Hybrid ElectricNews

Una partnership tra Hyundai e Eni per la e-mobility

Hyundai e Eni gas e luce hanno sottoscritto un accordo per lo sviluppo della mobilità elettrica in Italia con l’obiettivo di ampliare la gamma delle soluzioni per la ricarica delle auto elettriche e per incentivare l’efficienza energetica.

Hyundai e Eni

Grazie a questo accordo i concessionari Hyundai potranno offrire ai propri clienti l’acquisto e l’installazione di wallbox o colonnine di ricarica di varie dimensioni e potenza della gamma E-Start di Eni gas e luce. L’offerta si rivolge a privati e aziende, che avranno anche la possibilità di scegliere forniture di energia personalizzate in base alle loro esigenze.

Inoltre, le aziende clienti di Hyundai avranno la possibilità di abbinare alle soluzioni di ricarica per veicoli elettrici anche interventi di efficientamento energetico che permetteranno di migliorare le prestazioni energetiche senza investimenti iniziali né costi di gestione per il cliente (in ambito Energy Performance Contract (EPC). Hyundai potrà anche installare presso le proprie concessionarie colonnine di ricarica elettrica, pannelli fotovoltaici e adottare le soluzioni di efficientamento energetico di Eni gas e luce.

La partnership con Eni gas e luce è in linea con la strategia globale di Hyundai che ha annunciato il suo impegno a diventare carbon neutral entro il 2045 attraverso un approccio integrato basato su tre pilastri: mobilità pulita, piattaforme di nuova generazione ed energia verde, insieme all’uso di energia rinnovabile negli impianti di produzione e investimenti in tecnologie future, come il Vehicle-to-grid (V2G) e il Second Life Battery Energy Storage System (SLBESS).

Hyundai offre la più ampia scelta di motorizzazioni green sul mercato italiano con quasi il 90% della gamma elettrificata che comprende KONA Electric, primo SUV compatto a zero emissioni, e IONIQ 5, innovativo crossover che ridefinisce la mobilità elettrica e primo dei 12 nuovi BEV (Battery Electric Vehicle) previsti entro il 2025.

Lascia un commento