lunedì, Settembre 27, 2021
Hybrid ElectricNews

Il primo prototipo ID.BUZZ a guida autonoma è su strada!

Con camouflage bianco e nero e strutture del tetto alte, rotola tranquillamente sulle sue grandi ruote nella sala dove si svolge la “New Auto Night” del Gruppo Volkswagen alla vigilia della IAA Mobility 2021. È uno dei primi cinque prototipi a guida autonoma completamente elettrico ID.BUZZ AD (Autonomous Driving) di Volkswagen Veicoli Commerciali (VWCV), le cui versioni di serie saranno impiegate nei servizi di mobilità commerciale come MOIA a partire dal 2025. Monaco è anche la sede di Argo Al il partner che sta attualmente sviluppando e testando la tecnologia che rende possibile la guida autonoma – il Self-Driving-System (SDS), comprese le mappe, l’hardware, il software e l’infrastruttura di supporto cloud che alimenta l’ID.BUZZ AD. A partire dal 2025 ad Amburgo, la guida autonoma ID.BUZZ AD porterà i suoi passeggeri a destinazione in un servizio di ride-pooling gestito da MOIA. “Il Gruppo Volkswagen è in trasformazione, da produttore di veicoli a fornitore leader di mobilità globale guidata dal software”, spiega il CEO Dr. Herbert Diess all’evento. “Siamo l’azienda che sta ridefinendo la mobilità – con soluzioni di mobilità sostenibile, connessa e sicura per le generazioni future”.

 Argo sta testando attivamente la guida autonoma con i prototipi ID.BUZZ AD in molte aree urbane tra cui Monaco di Baviera. Il sistema di guida autonoma di Argo Al comprende una serie di sensori, software e piattaforme informatiche per fornire una consapevolezza a 360 gradi dell’ambiente del veicolo, prevedere le azioni di pedoni, ciclisti e veicoli, e gestire il motore, i sistemi di frenata e di sterzo in modo che il veicolo si muova in modo sicuro e naturale, come un guidatore esperto. Argo AI usa telecamere, radar e lidar per ottenere una guida autonoma sicura. Il sensore proprietario dell’azienda, Argo Lidar, si trova in alto sul tetto dei prototipi ID. BUZZ AD e può rilevare oggetti da una distanza di più di 400 metri (1300 piedi). La sua tecnologia brevettata Geiger-mode ha la capacità di rilevare anche le più piccole particelle di luce (un singolo fotone), in modo che anche gli oggetti con bassa riflettività, come i veicoli verniciati di nero, possono essere rilevati. Sono quindi possibili rappresentazioni molto precise dell’ambiente.Il test dell’ID.BUZZ AD avviene in collaborazione con Volkswagen Veicoli Commerciali presso il centro di sviluppo Argo AI a Neufahrn, vicino a Monaco. Argo ha anche una pista chiusa di nove ettari vicino all’aeroporto di Monaco per testare una varietà di situazioni di traffico uniche per le condizioni di guida europee, oltre alla loro pista di prova negli Stati Uniti. “La flotta di prova ID.BUZZ AD rappresenta una pietra miliare nella nostra partnership con Volkswagen Veicoli Commerciali”, ha detto Bryan Salesky, fondatore e CEO di Argo AI. “Basandoci sui nostri cinque anni di sviluppo e sugli insegnamenti tratti dalle nostre operazioni in grandi e complesse città statunitensi, siamo entusiasti di iniziare presto i test sulle strade di Monaco di Baviera in preparazione del lancio del servizio di ride-pooling commerciale a guida autonoma con MOIA.” Con i suoi piani per lo sviluppo di servizi di guida autonoma, Volkswagen Veicoli Commerciali mostra nell’ambiente IAA come il traffico urbano può essere alleggerito dal ride-pooling e, allo stesso tempo, è più sicuro grazie al sistema di guida autonoma: “Un sistema di riconoscimento dell’ambiente composto da sei lidar, undici radar e quattordici telecamere, distribuiti su tutto il veicolo, può catturare molto di più di quanto possa fare un guidatore umano dal suo sedile”, spiega Christian Senger, responsabile della guida autonoma di Volkswagen Veicoli Commerciali. Il marchio ha creato una propria unità di business per lo sviluppo della guida autonoma e ha acquisito una partecipazione in Argo AI.

Mentre Volkswagen Veicoli Commerciali e Argo AI stanno sviluppando il veicolo autonomo e il sistema di guida autonoma, MOIA è il terzo componente per un servizio di mobilità autonomo. Volkswagen ha una vasta esperienza nel campo dei servizi di mobilità e della gestione delle flotte. In pochissimo tempo, MOIA ha creato il più grande servizio di ride-pooling completamente elettrico d’Europa con autisti. Ha trasportato milioni di passeggeri. Dal 2025 MOIA sarà il primo utente di ID.BUZZ AD. “Portiamo la nostra esperienza nella cooperazione con Argo AI e Volkswagen Veicoli Commerciali e svilupperemo un servizio di mobilità autonoma in aggiunta al nostro servizio regolare”, dice MOIA-CEO Robert Henrich. “Le città di tutto il mondo vogliono rendere il loro traffico più efficiente e più rispettoso del clima. Il ride-pooling autonomo migliora la mobilità urbana, aumenta la sicurezza stradale e rende le città più attraenti. Amburgo sarà la prima città ad offrire il ride-pooling autonomo”.

Quando vedremo i primi veicoli a guida autonoma su strada? Ci sono, ovviamente, alcuni fattori da tenere in considerazione: il tema della sicurezza, le legislazioni nazionali e il contesto locale. Inoltre, la tecnologia andrà adattata in base alle caratteristiche delle singole città. L’obiettivo congiunto del Gruppo Volkswagen e di Argo AI è lanciare un servizio di ride pooling completamente autonomo ad Amburgo nel 2025. Partner di questo progetto sarà MOIA, azienda del Gruppo già operativa nella città anseatica con una flotta di e-Crafter 100% elettrici. Da circa 4 anni Argo AI sta testando i propri veicoli a guida autonoma in 6 città negli USA, con scenari molto differenti che generano un notevole valore aggiunto per lo sviluppo tecnologico, in termini di varietà di dati delle infrastrutture stradali e del comportamento alla guida. Al momento, inoltre, i test su ID. BUZZ AD sono già in corso in un’area chiusa nei pressi dell’aeroporto di Monaco – una fase necessaria per mettere a punto il Self Driving System prima del prossimo passo, imminente, che lo vedrà circolare sulle strade pubbliche della città bavarese.

Lascia un commento