domenica, Agosto 14, 2022
Hybrid Electric

Volkswagen le innovative tecnologie ibride, Diesel e a metano

Al Vienna Motor Symposium la Casa tedesca ha annunciato che amplierà la sua offerta di alimentazioni con sistemi mild hybrid a 48V.

Volkswagen Mild Hybrid

Si tratta di avanzati motori Turbodiesel che avranno anche delle varianti ibride e il più innovativo motore a metano. Questa prevede la combinazione di motori a benzina, a gasolio e a metano, nuovi sistemi ibridi e alimentazione totalmente elettrica. Grazie all’insieme di queste tecnologie, tra le altre cose, la Volkswagen raggiungerà l’obiettivo di emissioni medie di CO2 pari a 95 g/km prescritto dall’Unione Europea dal 2020.

 Il mild hybrid a 48 V.

Vedremo la nuova tecnologia debuttare  sulla prossima Golf1, ovviamente Volkswagen estenderà gradualmente l’elettrificazione delle alimentazioni tradizionali all’intera gamma. La prossima Golf rappresenta il punto di partenza di questa iniziativa elettrica globale.

 Il 1.5 TGI Evo a metano (EA211 Evo).

Un’altra novità è il 1.5 TGI Evo alimentato a gas metano. Il millecinque a iniezione diretta, sovralimentato con turbina a geometria variabile VTG, è basato sul 1.5 TSI ACT BlueMotion. Come il suo corrispondente a benzina2 , questo motore a metano da 130 CV utilizza l’efficiente ciclo di combustione Miller TSI/TGI.

2.0 TDI Turbodiesel (EA288 Evo).

La Volkswagen sta anche portando il motore Diesel nel futuro. A Vienna, la Casa di Wolfsburg ha mostrato le possibilità di questa alimentazione con la nuova serie di motori 2 litri TDI EA288 Evo. Per la prima volta il 2.0 TDI a quattro cilindri sarà anche disponibile in abbinamento a sistemi ibridi. l’EA288 Evo nascerà come mild hybrid associato a uno starter generator a 12 V. Insieme a una batteria agli ioni di litio, il sistema mild hybrid riduce il consumo di carburante e migliora il comfort. I nuovi TDI si distinguono in ogni circostanza soprattutto per le emissioni estremamente ridotte che, chiaramente, rispettano i limiti attuali e futuri delle certificazioni WLTP e RDE. I motori TDI sviluppati dalla Volkswagen, con potenze da 136 a 204 CV, saranno impiegati sui suoi veicoli e su quelli di altre marche del Gruppo.

Con la famiglia EA288 Evo, la Volkswagen ha sviluppato un’offerta di motori Turbodiesel molto avanzati. Il processo di combustione è stato riprogettato e ottimizzato sia in termini di consumi, sia in termini di emissioni. Inoltre, l’efficienza e la risposta del turbocompressore sono state significativamente migliorate. I componenti di post-trattamento dei fumi – tra cui filtro anti particolato DPF e trattamento dei NOX con riduzione catalitica selettiva SCR – sono stati ridimensionati e migliorati in termini di effetti ed efficacia nel tempo. Sono state ridotte le perdite da attrito e da calore, oltre al peso. La Volkswagen ha inoltre diminuito le emissioni di CO2 dei motori EA288 Evo fino a 10 g/km rispetto alla generazione precedente. In conseguenza delle misure adottate, questi nuovi TDI generano emissioni nettamente inferiori rispetto agli attuali limiti legislativi. Nel mentre, i valori di potenza e coppia sono saliti fino al 9%.

Lascia un commento