domenica, Dicembre 4, 2022
Test Drive

Citroen C4: la nuova Cactus

Dal deserto alla città: Citroen rinnova Cactus

citroen c4 cactus

Tecnologia e comfort, le parole chiave della berlina francese

Citroen C4 Cactus si rinnova, offrendo agli automobilisti una berlina compatta confortevole e tecnologicamente avanzata.

Piccoli particolari e leggere modifiche al look, danno a C4 Cactus maggiore raffinatezza senza perdere lo stile moderno ed innovativo che è il simbolo della nuova traccia che Citroen ha lanciato da tempo.

Rinnovati i fari sia anteriori che posteriori, con questi ultimi con effetto tridimensionale. Gli airbumb, il simbolo dello stile “unconventional”, rimangono sugli sportelli ma vengono spostati nella parte bassa.
Un restyling che dà alla berlina un’aria più da “signora di città” che da “giovane in spiaggia. Un cambio di rotta deciso probabilmente dal trend di vendite che punta oggi più all’uso urbano che a quello da off road.

Ma comfort è la parola d’ordine di questa nuova versione della berlina della casa francese.
Confortevole nella conduzione, grazie ai dodici sistemi di assistenza alla guida tra i quali il park assist, la telecamera posteriore, la frenata automatica di emergenza, il controllo dell’angolo cieco e il sistema di mantenimento della corsia.
Confortevole nel viaggiare con il programma Citroen Advanded Comfort che prevede le sospensioni con smorzatori idraulici progressivi che creano l’effetto “tappeto volante” e nuovi sedili che offrono un innovativo confort di seduta e guida.

L’innovazione: i sedili sono ricoperti di 15 mm di schiuma poliuretanica, materiale che offre maggiore benessere alla postura dei viaggiatori.

Le motorizzazioni disponibili sono benzina – Puretech 1.2 da 82,110 o 130 cv – e diesel – Blue Hdi 1.6 da 100 e 120 cv – con possibilità del cambio automatico EAT6.

Il lancio della nuova C4 Cactus segue la strategia Citroen che ha visto negli ultimi anni lanciare una vera e propria offensiva per il settore dei crossover – suv e la promozione della nuova C3 nel 2016.

Lascia un commento