domenica, Dicembre 4, 2022
Foto

[FOTO] Renault Scenic e Grand Scenic 2017

Con le nuove Scenic e Grand Scenic 2017, Renault fa un deciso salto in avanti a livello di stile nel segmento delle vetture per famiglie: caratterizzate da una linea dinamica e moderna, le due monovolume transalpine adottano infatti un design più da crossover, con forme accattivanti e linee sinuose; in aggiunta, troviamo anche dei grandi cerchi da 20 pollici, decisamente atipici per questa categoria e forse un po’ troppo sovradimensionati.

Più grandi rispetto alle precedenti generazioni, Scenic e Grand Scenic 2017 promettono comunque una grande versatilità: ecco dunque i sedili posteriori One Touch Folding, abbattibili cioè al tocco di un tasto, la console centrale scorrevole (con vano interno da 13 litri) e ampi bagagliai, con capienze di 572 litri per Scenic e 765 per Grand Scenic.

Notevole è anche la tecnologia a bordo: tra equipaggiamenti di serie e optional, troviamo infatti l’head-up display a colori, il Multi-Sense con selezione delle modalità di guida e il sistema multimediale R-Link2 con schermo da 8,7 pollici; buone notizie anche dal punto di vista della sicurezza (recentemente premiata con le “5 Stelle EuroNCAP”), grazie alla frenata autonoma d’emergenza con riconoscimento pedoni, al Lane Keeping Assist attivo e al sistema di riconoscimento della stanchezza del guidatore.

Sotto il cofano la scelta non manca, con il motore 1.2 TCe a benzina da 115 o 130 CV (abbinato al cambio manuale a 6 marce), il 1.5 dCi da 95 CV (solo per la Scenic) e il 1.6 dCi da 110, 130 o 160 CV, equipaggiabile anche con trasmissione automatica a 6 o 7 rapporti. In aggiunta, ci sarà anche la variante Hybrid Assist (con motore 1.5 dCi e un piccolo generatore elettrico da 14 CV), che dichiara consumi medi di 3,5 litri/100 Km. In attesa di scoprire il prezzo ufficiale (si parla di un listino a partire da 23.000 Euro), non ci resta dunque che aspettare qualche settimana: il lancio delle nuove Renault Scenic e Grand Scenic è infatti previsto per il mese di ottobre.

Emiliano Caretti

Lascia un commento